Osteria del Velodromo Vecchio


La bella storia gastronomica, fin qui scritta dall'Osteria del Velodromo Vecchio, inizia nel 1995, dai spazi di una osteria di quartiere che Matteo Ballarini e Alessandra Sabelli scelsero per dare vita al loro progetto comune.

Oggi si può senza dubbio riconoscere che l'idea di un tempo è divenuta una solida realtà: un locale che fosse capace di proporre l'autentica cucina romana, nella più ampia gamma tradizionale, con mano misurata ma sincera, partendo da ingredienti di eccellente livello e ristabilendo l'armonia della convivialità nel segno della buona tavola.

Ma sono sempre i protagonisti a segnare la riuscita dell'impresa e il sodalizio tra Matteo e Alessandra si è rivelato capace di questo ed altro, considerando anche l'arrivo di due splendidi ragazzi.

L'esperienza maturata da Matteo, nell'insegnamento presso il Centro di formazione prof.le di Marino e nelle numerose collaborazioni vissute con altri cuochi della Capitale, opportunamente applicata al quotidiano impegno nell'Osteria ha permesso di costruire nel tempo quella amichevole fama che i tantissimi clienti affezionati traducono nel chiamarla semplicemente 'il Velodromo'. Ed è giusto anche ricordare l'origine di questo nome, che vuole celebrare l'unico e antico velodromo esistente fino alle Olimpiadi del '60, ormai distrutto dal tempo.

Il grande amore per Roma (e per la Roma!) guida il lavoro in cucina e il percorso delle proposte che ogni giorno si rinnova, pur mantenendo alcuni piatti simbolo, sempre presenti nel menù. Ricette storiche e talvolta ormai rare si alternano a vivande più garbatamente fantasiose, tutte sicuramente attraenti.

Dai primi mesi del 2009 c'è stato un salutare ampliamento di spazi, con l'apertura di una nuova sala, fedele all'accogliente arredo originario, e quindi con la possibilità di consentire affluenze più generose o riservare un apposito spazio ad eventi e feste private; i pochi tavoli all'aperto restano i più contesi nella bella stagione.

Vale la pena di chiudere ricordando l'ampia scelta di vini (circa 400 etichette selezionate), regionali e nazionali, a prezzi davvero contenuti, e l'alta gamma di prodotti alimentari utilizzati, con extravergini esclusivi, frutta e ortaggi freschissimi, carni di pascolo e prodotti di mare dal pescato locale, oltre a diversi Presìdi Slow Food. Matteo è infatti uno dei cuochi dell'Alleanza per Terra Madre, progetto creato da Slow Food per sviluppare e stimolare la cultura alimentare e il riconoscimento alle produzioni di qualità. Ora non vi resta che assaggiare.

Buon appetito!

P.Iva 09828240581